Siamo i nostri produttori

  1. Ottavio Guccione e Rocco Tanzarella - Di pane, amore e fantasia

    La storia del pane è un soffice intreccio di mito, religione e istinto di sopravvivenza.
    Se ne trovano tracce datate ancora prima del neolitico e sembra che in sostanza si trattasse di un metodo per assicurarsi cibo resistente al tempo e facilmente trasportabile. Certo ne passata di acqua e di lievito madre sotto i ponti da quando “pane” era un miscuglio di acqua e cereali (semi di orzo e grano selvatico) spezzati, sgusciati, tritati e setacciati. Sappiamo bene che è passata acqua, ingegneria dei forni e tante tante storie.

     

     

     

    Continua a leggere
  2. Morettino: 100 anni d’amore (con la A maiuscola)

    La ritualità del caffè, avvolgente, profondo, profumato che attraversa 4 generazioni, lentamente e inesorabilmente, antico, nuovissimo, radicato ma cosmopolita, trasformista, divertente: Morettino, da Palermo al mondo, senza fretta.

    Arturo, Angelo, Alberto, ancora Arturo, Alessandro, Andrea… solo nomi che iniziano per A, ed è successo, racconta Andrea Morettino, quasi per caso, come accadono le cose, come accadono le tradizioni. 4 generazioni di A maiuscole con una sola passione: l’oro nero del risveglio italiano che italiano non è (anzi: non era…), il caffè.

    Comincia nella bottega di Spezie e Coloniali, a San Lorenzo ai Colli, frazione residenziale di Palermo, Sicilia, anni 20 e il caffè è solo una tra le cose curiose della bottega.

    Saranno Arturo e poi il figlio Angelo a cominciare ad allevare la passione.

    Continua a leggere
  3. La Granda, bellezza!

    Dove un veterinario comincia a occuparsi di agricoltura per fondare un nuovo-vecchio metodo, socialmente sostenibile, rispettoso, buono anche nel piatto.

    Agri-Cultura vorrei chiamarla, questa storia di radici da allevare, di consapevolezza da riscoprire, di passione e amore per l’uomo e per gli animali. La Granda Quality Food”, è un consorzio di allevatori fondato da Sergio Capaldo per la salvaguardia e il rilancio della razza bovina piemontese. Il consorzio parte da un’idea rivoluzionaria e semplicissima: l’animale sta bene se vive bene e dal suo benessere dipende il nostro. Apparteniamo a un ciclo, a una cate

    Continua a leggere