1. Chi più spende, meno spande - Chiediamoci sempre in che modo spendiamo

    Cose che desideriamo ad ogni costo, cose semplici che contano così tanto che non esiteremmo a gettarci nel fuoco, cose che vogliamo ad ogni costo. Cose come la salute, la serenità dei nostri cari, cose come il tempo, per esempio. 

    Ma quanto vale il tempo? La Natura ce lo insegna ogni giorno, ce lo insegna il clima, parliamo di colture, fioriture, semine tardive o anticipate, parliamo di annate ma anche di conservazione, di cura, di scadenza del cibo.
    Cose che non vanno sprecate: il tempo e il nutrimento. 

    Continua a leggere
  2. La Granda, bellezza!

    Dove un veterinario comincia a occuparsi di agricoltura per fondare un nuovo-vecchio metodo, socialmente sostenibile, rispettoso, buono anche nel piatto.

    Agri-Cultura vorrei chiamarla, questa storia di radici da allevare, di consapevolezza da riscoprire, di passione e amore per l’uomo e per gli animali. La Granda Quality Food”, è un consorzio di allevatori fondato da Sergio Capaldo per la salvaguardia e il rilancio della razza bovina piemontese. Il consorzio parte da un’idea rivoluzionaria e semplicissima: l’animale sta bene se vive bene e dal suo benessere dipende il nostro. Apparteniamo a un ciclo, a una cate

    Continua a leggere
  3. Salvo Piparo - Chi parla a tavola

    La quarume come il vin brulé, la cucina come un salone da ballo, il cibo come linguaggio: a tavola parla Salvo Piparo, attore, cantautore, autore che non va a fare la spesa, pìcaro piccante e arguto.

    Ancestrale, ecco come andrebbe definito il mio rapporto con il cibo. Il cibo non è mangiare il cibo è toccare, parlare, è tavola ed è cucina e per me, fratello di uno chef e nipote di due nonne che designavano le due facce sicule - orientale e occidentale - il cibo è pure questione di famiglia.

     

    Continua a leggere
  4. Di Vini - Emozioni Accessibili - Le nostre grandi scoperte a prezzo democratico

    Ci sono tante false mitologie da sfatare sul vino e sul suo mondo, forse la più comune, è che il vino sia, sempre, una cosa da ricchi, elitaria, per pochi.

    Il nostro wine team, si impegna ogni giorno nella ricerca di bottiglie provenienti da regioni ai margini dell’hype, dove il vino ha già da tempo smesso di essere un prodotto agricolo per diventare una commodity, per restituire il vino alla vita reale, alle tavole delle persone normali, e ricordarci che il vino nasce prima di tutto per dissetare e fare star bene le persone, tutte le persone.

    Continua a leggere
  5. Tortellini in brodo gratinati



    Ingredienti: 

    • 50 g Formaggio Vacche Rosse 
    • 1 l Brodotto La Granda
    • 250 g Tortellini alla carne Le Eccellenze di Prezzemolo & Vitale 
    • 1 cucchiaio di Olio EVO di

    Continua a leggere
  6. Il fagiolo Badda di Polizzi: una storia di scelte, di tempo, di natura da rispettare

    Normalmente a giugno si semina, a Polizzi il fagiolo Badda.
    Varietà autoctona - praticamente esclusiva - madonita, unico per gusto e digeribilità. In semina a giugno, raggiunge tra luglio e agosto la piena fioritura, e finalmente a ottobre si possono raccogliere e selezionare i baccelli per le nostre squisite zuppe delle feste, piatto per cui è particolarmente adatto visto che in cottura rimane sodo e mantiene tutto il gusto in una buccia sottile ma resistente.

    Continua a leggere
  7. Passata di verdure di stagione e crostini

    cottura-passata-di-verdure

    Ingredienti: 

    • 1 cipolla 
    • 1 confezione di verdure tagliate fresche Prezzemolo & Vitale
    • 150 g guanciale amatriciano
    • q.b. sale e pepe
    • q.b.

    Continua a leggere
  8. Che tempo, di questi tempi - Editoriale di Giusi Vitale

    Eccoci, con una esperienza editoriale tutta nuova, a mettervi a parte di cosa si cela, del perché di certe scelte, del come mai di certi inciampi, del quando, magari, di certe avventure che diventano poi tutto quello che trovate in casa Prezzemolo & Vitale.

    Leggeteci con leggerezza e un po’ di amore, ché non guasta mai. 

    Continua a leggere
  9. Santa Lucia: arancina, cuccìa e tradizione

    Il rispetto sacrale della tradizione vede bar, gastronomie e persino ristoranti, celebrare il 13 Dicembre eliminando pane e pasta dal menù e popolarlo, per la gioia della cheto e in spregio al colesterolo, di gustose alternative che trasformano la privazione in gioia di vivere e di mangiare!

    E nessuno può - né vorrebbe mai in effetti - sottrarsi, a questa tavola goduriosa a cui sono invitati tutti: bambini, anziani, persino i quadrupedi di casa certe volte, tanto dura solo un giorno, che per di più è il più breve dell’anno.

    Che male mai farà un’arancina fritta che un piatto di cuccia con ricotta non possa guarire?

    Continua a leggere
  10. La nostra selezione dei migliori panettoni 2021

    Possiamo constatare a primo sguardo che i panettoni non sono mai tutti uguali e che se negli anni '80 al massimo si parlava di con o senza uvetta ormai la pasticceria sforna cose incredibili.

    Non è più “il dolce di Natale” ma ne è l’interpretazione, la storia, l'evoluzione ed è in questa evoluzione che adoriamo scegliere e non ci accontentiamo più di una sola opzione - panettone con l’uvetta panettone senza uvetta.
    E se già ci sembra bello così, allora guardiamo cosa è successo quest’anno in pasticceria, quando abbiamo cominciato a scegliere il vostro panettone.

    Continua a leggere
Pagina